Anusara Yoga: fluire nella beatitudine

anusara yoga
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

L’anusara yoga è uno dei tipi i yoga più diffusi al mondo.

Fu fondato da John Friend nel 1997 con lo scopo di reinserire nella pratica americana dello hatha yoga certi elementi della religione induista.

Il termine anusara rimanda al concetto di “fluire con grazia“. In questo stile la spiritualità si unisce all’allineamento del corpo. Le posture assunte nascono dal sentimento interiore

Ecco le principali caratteristiche di questo stile.

Cos’è l’anusara yoga?

Le componenti principali dell’anusara yoga sono tre (le cosiddette “tre A”).

  1. Attitudine: è il concetto tantrico definito come potere o energia dell’essere completo. Trattandosi di una forza che soggiace alle azioni, è in rapporto diretto con il cuore.
  2. Allineamenti: costituiscono la conoscenza data dall’integrazione delle parti. Si concretizzano nelle posizioni assunte dal corpo praticando anusara yoga.
  3. Azione: implica il portare lo yoga anche nella vita quotidiana.

L’anusara yoga si basa sulla filosofia del tantra. E’ un approccio alla vita finalizzato a espandere la consapevolezza dell’interconnessione tra tutti gli esseri viventi. E questo si pratica mediante amore, gioia e beatitudine.

La pratica deve portare il partecipante a percepire l’equilibrio e l’interconnessione tra tutti gli esseri.

anusara yoga

Allineamento nell’anusara yoga

L’allineamento, inoltre, si basa su alcuni principi universali.

  1. Apertura alla grazia: è l’atteggiamento di devozione che deve avere il praticante durante la seduta.
  2. Energia muscolare: è quella che va attirata dalla periferia al centro del corpo, per incrementare stabilità, forza e concentrazione.
  3. Spirale interna: come un vortice, ha origine nei piedi, attraversa le gambe, allargandosi progressivamente, e termina nella vita. Questo permette di creare più spazio all’interno del bacino, garantendo così una maggiore flessibilità per i piegamenti in avanti.
  4. Spirale esterna: parte dal punto vita, passa attraverso il bacino e il coccige, per terminare quindi nei piedi.
  5. Energia organica: indica il trasferimento di energia dal centro del corpo alle zone periferiche. E’ un valido aiuto per l’esecuzione degli âsana.

Praticare anusara yoga significa ascoltare il cuore, fluire, seguire la beatitudine.

Vediamo come avviene una seduta.

Seduta di anusara yoga: come avviene?

Ogni seduta di anusara yoga fa riferimento a un tema specifico, e la sequenza di âsana può cambiare di volta in volta.

Si inizia con un’invocazione fatta attraverso il canto e la meditazione.

Dopo la sequenza di âsana, si termina con un profondo rilassamento in savasana (la posizione del cadavere).

L’anusara yoga è basato sul preciso allineamento del corpo, che aiuta i praticanti a entrare in profonda connessione con l’esperienza spirituale.

Una seduta di anusara yoga è certamente molto impegnativa, ma focalizzandosi sul pensiero positivo, la spiritualità e l’apertura del cuore, si raggiunge un grande senso di leggerezza e libertà.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone
Vuoi rimanere sempre aggiornato sui corsi di yoga a Torino?
Iscriviti alla nostra newsletter!

 

Lascia un commento