Bikram Yoga: âsana ad alte temperature

bikram yoga

Praticare yoga con temperature da solleone. Sudare ed espellere tossine mentre si rilassano corpo e mente. Ecco un’originale combinazione di calore e attività fisica, per il nostro totale benessere: il bikram yoga.

Ideato negli USA dall’indiano Bikram Choudhury negli anni ’70, ha recentemente preso piede anche in Italia. Sono tanti gli amanti del fitness che scelgono di praticare questo tipo di yoga “estremo”.

Tutti i comuni vantaggi della disciplina orientale si uniscono alla potenza depurativa del calore.

Vediamo come.

Cos’è il bikram yoga?

Conosciuto anche come hot yoga, viene praticato all’interno di ambienti riscaldati con una temperatura di almeno 40°C. Il tasso di umidità deve raggiungere il 40-50% per risultare efficace.

Le sedute di bikram yoga sono vere e proprie prove ginniche che impegnano il sistema cardio-vascolare, endocrino, neuro-motorio e muscolare.

Per praticarlo occorrono un buon allenamento e una certa predisposizione alle condizioni climatiche più impegnative.

Come si svolge una seduta di bikram yoga?

bikram yogaCiascuna seduta dura in media 90 minuti.

Vengono alternati âsana e pranayama, mentre il calore compie la sua azione purificatrice.

Si comincia con un esercizio di profonda respirazione diaframmatica.

I 26 âsana che compongono la sequenza sono scelti sulla base di una difficoltà crescente. Ciascuno funge da preparazione al successivo.

Le posizioni yoga unite alla respirazione permettono di aumentare l’espansione toracica, stimolando un maggiore ricambio di ossigeno. Inoltre, rafforzano la colonna vertebrale, conferendole maggiore elasticità e robustezza.

A tutto questo si aggiunge il calore, che permette di espellere le tossine presenti nell’organismo. Corpo e pelle risultano così tonificati e rinvigoriti; tutta la nostra persona acquista vitalità ed energia.

Inoltre, il calore favorisce la vasodilatazione e l’afflusso di sangue verso organi e tessuti. I muscoli intanto si sciolgono e consentono l’esecuzione ottimale delle sequenze.

Hot yoga: benefici e controindicazioni

Abituarsi alla pratica di hot yoga richiede un discreto sforzo fisico. Conviene quindi dedicarvisi intensamente nel corso della prima settimana, per abituare il corpo alle alte temperature.

Un impegno costante permetterà di ottenere notevoli benefici:

  • migliore allungamento dei muscoli;
  • ossigenazione degli organi;
  • aumento della frequenza cardiaca;
  • maggiore flessibilità della colonna vertebrale;
  • miglioramento della postura.

bikram yoga

Infine, va sottolineato il grande potenziale del bukram yoga per il recupero della forma fisica.

Fare yoga per dimagrire è possibile: ciascuna seduta permette di bruciare in media 400/600 calorie.

Per quanto riguarda le controindicazioni del bukram yoga, vanno considerati i disturbi che il forte calore può arrecare. E’ sconsigliato quindi a chi soffre di pressione bassa, cardiopatia e problemi renali.

Please follow and like us:

Lascia un commento