Intervista a Centro Studi Olistici Brahma Vidya ASD

Abbiamo avuto il piacere di poter intervistare Renata Carpignano istruttrice di Yoga integrale, organizzatrice e coordinatrice delle attività del Centro Studi Olistici Brahma Vidya ASD.

Intervista a Renata Carpignano corsidiyoga.torino.itc
Renata Carpignano, istruttrice, organizzatrice e coordinatrice del Centro Olistico Brahma Vidya

Abbiamo incontrato il centro yoga Brahma Vidya svariate volte all’interno dei nostri articoli, in quanto sono una realtà molto affermata nel mondo dello yoga torinese. Non abbiamo molto da aggiungere in quanto Renata Carpignano ha risposto in maniera esaustiva alle nostre domande senza tralasciare alcun particolare.

 

  • Descrivete il vostro centro yoga, da quanto tempo operate e qual’è stato il vostro percorso per intraprendere l’insegnamento di questa disciplina.Il Centro Studi Olistici Brahma Vidya viene da me (Renata Carpignano) fondato nel 2006, durante il mio percorso di crescita spirituale; gradualmente è maturato in me un grande progetto: creare un luogo dove si potessero attuare tutti gli insegnamenti che avrebbero portato il maggior numero di persone alla realizzazione della propria crescita spirituale, o semplicemente al raggiungimento del proprio benessere attraverso l´utilizzo di tecniche “alternative” a quelle normalmente utilizzate nella nostra cultura occidentale piuttosto materialistica.Nasce quindi il Centro Studi Olistici Brahma Vidya, un luogo di incontro tra discipline orientali e occidentali, dove si possa realizzare per ognuno la crescita interiore secondo le proprie inclinazioni naturali.  Contemporaneamente ho voluto convogliare in questo spazio la pratica di tecniche del benessere cosiddette “alternative”, affinché l’essere umano possa beneficiare dei migliori rimedi e possa riappropriarsi del proprio tempo e del proprio equilibrio psico-fisico e spirituale, per il raggiungimento del pieno sviluppo dell’ auto-coscienza animica.Il mio percorso inizia nel ’95, quando nell’ambito dell’esercizio della mia professione di farmacista, in occasione dell’esigenza di perfezionare e aggiornare le mie conoscenze in campo medico, mi avvicino all’omeopatia, frequentando il corso di omeopatia e medicine naturali presso la C.I.S.D.O di Torino. Da questo momento l’esigenza di cambiare la mia visione della vita diventa sempre più forte, finche nel “98 ho iniziato il percorso dello YOGA, che ha determinato in me un profondo cambiamento, e che mi ha permesso di entrare in contatto con la mia vera natura animica. Durante il percorso di apprendimento mi viene attribuito il nome spirituale Vidya (conoscenza intuitiva o conoscenza sacra). Nel 2008 conseguo il  diploma di  INSEGNANTE  (presso l´ISU, Istituto di Scienze Umane  di Roma) , e successivamente nel 2010 mi specializzo nello Yoga per gestanti presso il Centro Studi Yoga Roma con Barbara Woehler.Altri percorsi hanno accompagnato la mia formazione, tra cui il conseguimento del livello di Master Reiki di Usui, la conoscenza della Riflessologia Plantare (di cui divento operatrice e insegnante), la conoscenza della Floriterapia del dott. Bach, il Massaggio Metamorfico e altre tecniche di massaggio, la Chinesiologia Touch for Health presso l´Istituto IKC (International Kinesiology College), ottenendo la certificazione PROFICIENCY a maggio 2008, e il conseguimento di tutti i livelli del Pranic Healing, la tecnica di guarigione energetitica scoperta e sviluppata da Master Choa Kok Sui.
    Accanto a me, a coadiuvare l’opera di divulgazione della disciplina dello Yoga, della Riflessologia Plantare e del Reiki, si affiancano altre figure professionali, che completano la rosa delle possibilità per tutti coloro che vogliono ritrovare la strada verso la propria autocoscienza, per ricongiungersi con il vero Sè, e il mio compito principale rimane quello di indirizzre ognuno nel percorso più appropriato.

 

  • A chi consigliate di seguire un corso yoga, quali benefici può trarne.Iscriversi a un corso di Yoga può essere utile a tutti, anche se fosse solamente per la necessità di recuperare il benessere del corpo fisico o per superare i disagi dello stress (lavorativo, emotivo,o di altro genere). Qualunque sia il punto di partenza non è importante! Ognuno segue la propria motivazione, ma è durante il percorso che avviene il vero “miracolo”, ossia la liberazione personale come riconquista della propria completa identità, al fine di raggiungere un perfetto equilibrio sia sul piano materiale che mentale e spirituale.
    Infatti Yoga significa unione, legare, dalla radice sanscrita jug, creare la connessione tra i diversi aspetti della esistenza umana, integrare tutti gli elementi che compongono l´individuo: terra, fuoco, acqua, aria e etere… Corpo, mente e spirito.

 

  • Cos’è lo yoga secondo il vostro centro, come si è introdotto nella società occidentale moderna?Lo Yoga è per il mondo occidentale una scoperta molto recente, ma la sua origine si perde nella notte dei tempi e le sue radici si collocano nell’antica filosofia indiana; inizialmente venne tramandato oralmente dagli antichi Veda e poi più recentemente codificato da Patanjali nella sua opera classica, lo Yoga Sutra.
    L´interesse per la cultura indiana è ciò che il mondo occidentale cercava e che era predisposto a scoprire, e in chiave moderna lo yoga si può definire la scienza del giusto vivere, e può essere semplicemente una nuova prospettiva dalla quale partire per ritrovare l’armonia nella propria esistenza, integrando dentro di noi tutti gli aspetti del nostro essere: infatti Yoga significa unione, legare, dalla radice sanscrita jug.
    Lo scopo dell’insegnamento dello Yoga nel nostro Centro è di sottolinearne il valore più semplice e probabile, adattabile al nostro stile di vita, più consono alle esigenze del nuovo millennio, nel quale prevale l’aspetto pragmatico della vita quotidiana, dove il raggiungimento del benessere passa innanzitutto attraverso un corpo armonioso e flessibile, e una mente chiara e lucida.
    Il sentiero dello Yoga contempla diverse pratiche da seguire; le più conosciute sono: âsana(posizioni), pranayama (respirazione), e meditazione.
    Attraverso la pratica dello Yoga e un lavoro costante è possibile sovvertire le abitudini, rompere schemi ormai cristallizzati nella nostra psiche (samskara), per raggiungere una nuova consapevolezza, un nuovo modo di vedere e di sentire e poter raggiungere la liberazione dalle antiche e moderne sofferenze.
    Liberazione è il fine che si prefigge di raggiungere lo Yoga: liberare l´uomo dall’illusione, dal tempo, dalla storia, fattori questi che inducono l’essere alla sofferenza eterna.

 

  • Quali corsi offrite? Vi sono altre discipline insegnate nel vostro centro?Il Centro Brahma Vidya propone vari corsi di Yoga, ognuno dei quali si adatta alle personali attitudini degli allievi, soddisfacendo le varie esigenze individuali: da un approccio più graduale a uno più impegnativo sul piano fisico, ad uno puramente meditativo:-YOGA INTEGRALE: lavora inizialmente sul corpo fisico attraverso gli esercizi di scioglimento, i “pawanmuktasana”, in un processo graduale di consapevolezza e di presenza mentale, migliorando la respirazione. Successivamente si approcceranno tecniche più avanzate di respirazione, il Pranayama, si introdurranno le Asana (posizioni) più impegnative e più statiche (sempre nel rispetto della possibilità individuale), e le altre pratiche basilari dello yoga: le Mudra, i gesti che rappresentano la psiche, i Bandha, le chiusure che permettono di canalizzare l’energia, i principali Shatkarma, le tecniche di purificazione.
    Tutto questo ha lo scopo di preparare il terreno per le pratiche superiori di meditazione, il cui scopo finale è l’esperienza conclusiva della coscienza cosmica.
    Gli effetti che si ottengono attraverso le pratiche dello Yoga integrale sono palesemente riconosciuti anche dal mondo scientifico, dove è stato dimostrato che asana, pranayama, mudra e bandha sono dei potenti mezzi mezzi per ristorare e mantenere la salute fisica e mentale.- YOGA IN GRAVIDANZA: lo Yoga in gravidanza si pone l’obbiettivo di creare le condizioni ideali per raggiungere uno stato di rilassamento e di ascolto in cui sperimentare l’unità corpo-mente formata anche da madre e figlio, e in cui sviluppare un atteggiamento di accettazione dell’esperienza sia sul piano fisico che psicologico; è anche un percorso di preparazione al parto.
    Si pratica attraverso le asana (posizioni), il respiro (Pranayama), e le meditazioni, evita flessioni ed estensioni intense e tutti gli esercizi che possono schiacciare l’addome, così come tutto ciò che interrompe il respiro.
    E’ consigliabile iniziare la pratica intorno al terzo mese di gravidanza, in modo da poter sentire al meglio la respirazione addominale e in seguito la toracica e la clavicolare e in modo da poter approfondire al meglio le competenze di ascolto del corpo.- APAKELIE YOGA: (si legge Ap-kelìe), viene dal sanscrito e vuol dire “per te”, quindi Apakelie yoga letteralmente significa “yoga per te”.
    L’Apakelie yoga è uno stile di yoga concepito appositamente per il praticante,e prende le sue origini dallo yoga tradizionale, fondendo anche conoscenze di Thai yoga, lavora con la respirazione, la meditazione e i mudra, con un’attenzione particolare al Bhakti yoga, cercando di diffondere il messaggio della Bhagavad-Gita.
    Nella pratica si inizia con un esercizio di respirazione, al quale seguono circa 10 min di “riscaldamento-scioglimento” del corpo attraverso l’uso del Thai yoga o dello stretching, successivamente si inizia con la pratica delle asana, (durante una sessione non si praticano più di 4/5 asana; solitamente una sessione ha la durata di 1h/1h e 15min) ogni singola asana viene ripetuta 3 volte se simmetrica, 2 volte per parte se asimmetrica.
    Ogni asana viene tenuta per 6 respiri durante la prima ripetizione, per 8/10 respiri durante la seconda ripetizione e per 10/13 respiri durante l’ultima ripetizione. Tra una ripetizione e l’altra c’è una pausa di 5 sec durante i quali si visualizza la forma per interiorizzarla, memorizzarla, assorbirne l’energia, le sensazioni e farla propria.
    Le ripetizioni aiutano l’allievo a sentire come il suo corpo si adatta gradualmente all’asana: durante la prima sentirà il corpo ancora incerto e scomodo, nella seconda avrà già memoria della forma e riuscirà a rilassare meglio i muscoli, stirare i tendini e acquietare la mente, mentre nella terza ripetizione il corpo e la mente entrano in una migliore armonia per far si che il praticante possa godere a pieno dei benefici.- ASHTANGA VINYASA YOGA: è un antica disciplina e rappresenta una delle forme tradizionali di Hatha Yoga. Segue un ordine sequenziale di posture (Asana), basate sul metodo del Vinyasa (il movimento sincronizzato al respiro), con la corretta respirazione Ujjay-pranayama, unita al controllo di alcune fasce muscolari o chiusure (Bandha), ed alla direzione dello sguardo (Drishti).
    Tramandata nei millenni nella sua forma originaria, così come è insegnata ancora oggi, codificata e trasmessa secondo la tradizione dal Maestro Sri K.Patthabi Jois, e dal suo Maestro Sri T. Krishnamacharya.Ci sono tre gruppi di sequenze nell’Ashtanga Yoga:
    – La prima serie (Yoga Chikitsa) o yoga terapia, disintossica e allinea il corpo.
    – La serie intermedia (Nadi Sodhana) purifica il sistema nervoso aprendo i canali energetici
    – Le serie avanzate che richiedono un grande sforzo di umiltà e flessibilità.- KRIYA YOGA questo percorso segue la tradizione del Kriya Yoga di Paramahansa Yogananda, Roy Eugene Davis e i loro successori. Kriya significa “azione” eYoga “unire o legare insieme”. Significa anche “Samadhi”, ossia l’unione cosciente con l’Assoluto; la fusione completa della Coscienza individualizzata nella Coscienza assoluta (il risultato finale della pratica).
    Una buona descrizione del termine Kriya Yoga potrebbe quindi essere: “Unione attraverso l’azione”.
    Il Kriya Yoga è una disciplina che, progressivamente, trasforma radicalmente lo stato di coscienza chi la pratica.In che cosa consiste la pratica del Kriya Yoga?
    La disciplina del Kriya Yoga si compone essenzialmente di due parti integrate tra loro:
    la pratica della meditazione
    il giusto vivere che supporta la pratica quotidiana
    Oltre i vari corsi di Yoga offriamo la possibilità di lavorare sul corpo fisico e sul corpo Energetico con altre discipline:
    – PILATES, AEROTONE, TAI CHI CHUAN, QI GONG
    – REIKI
    – PRANIC HEALING
    – MEDITAZIONE VIPASSANA

 

  • Avete nuovi corsi o seminari in programma?

    Per il nostro nuovo anno associativo abbiamo in programma oltre ai corsi già attivi nuovi orari che si aggiungono a quelli esistenti e un nutrito calendario di seminari di approfondimento di Yoga come ad esempio il “Chakra shuddy” ( purificazione e attivazione dei chakra) ” Yin Yoga” (le pratiche yoga più adatte alle varie età della donna) , di Meditazione, di Reiki, Setting di pulizia delle scorie energetiche, seminari per prepararsi alla purificazione e protezione del corpo energetico; non mancheranno corsi di formazione per operatori olistici dove gli allievi apprenderanoo tecniche di manipolazione corporea, le tecniche di riflessologia plantare, massaggio connettivale, oltre alla conoscenza e utilizzo dell’energia pranica.

Ringraziamo il Renata Carpignano e Centro Studi Olistici Brahma Vidya ASD per il tempo gentilmente dedicatoci, per ulteriori dettagli potete visitare il sito internet del centro yoga Brahma Vidya.

 

Vuoi rimanere sempre aggiornato sui corsi di yoga a Torino?
Iscriviti alla nostra newsletter!

 

Lascia un commento